09/09/2017

Mauro Moriconi

Fondazione Banca del Monte di Lucca

Piazza San Martino, 7

Lucca

------------------------------

20 /05/2017

UN-FAMILIAR POLAROID
STUDIO38 Contemporary Art Gallery

Corso Giovanni Amendola, 38E, 51100 Pistoia

opening 18:00

---------------------------------

MIA PHOTO FAIR 2017 / 10 - 13 MARZO / THE MALL - PORTA NUOVA, MILANO

28/10/2016

---------------------------------

UN-FAMILIAR
Biblioteca Lazzerini
Via Puccetti, 3, 59100
Prato PO

opening 18:00
---------------------------------

08/10/2015

TU35 LUCCA
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci,
Officina Giovani,
Prato, Italy
opening 18:00

---------------------------------

23/11/2014

New Japonisme

Soho Gallery Beverly Hills
9893 South Santa Monica Boulevard
Beverly Hills, CA 90212
USA

---------------------------------

03/07/2014 ore 21

Massimo Biagi Legge Da-ntis, opere di Mauro Moriconi

DIE MAUER
Via Firenzuola, 33 -35 - 37 Prato

---------------------------------

INFERNO DI DANTE

20/06/2014

DIE MAUER
Via Firenzuola, 33 -35 - 37 Prato

---------------------------------

Conferenza - Fotografia -

Die Mauer, via Pomeria 71, Prato, Italy
ore 21

---------------------------------

12/06/2013
Mia Fair 2013
Superstudio Più - via Tortona 27, Milano

9/05/2013
12/05/2013

---------------------------------

Le Cirque
Die Mauer, via Pomeria 71, Prato Italy

20/05/2013
20/07/2013

---------------------------------

The Others Fair 2012

Orari di apertura
8 Novembre ore 13.00 Anteprima stampa
8 Novembre ore 21.00 Rolling Stone opening party
9 – 11 Novembreore 18.00 – 1.00 The Others show

Via Paolo Borsellino, 3 Torino
Ingresso
Biglietto 3,00 €

---------------------------------

i.OVO JOURNAL

Loggia del Museo Nazionale Alinari della Fotografia

Sabato 21/04/2012 dalle ore 18.00

Piazza S. Maria Novella 14 r

Firenze

---------------------------------

THE WALL (ARCHIVES) #6 – ON THE RIVER

Inaugurazione Sabato 31/3/2012 dalle ore 17.30
Villa Pacchiani - Centro Polivalente
piazza Pier Paolo Pasolini Santa Croce Sull’Arno

---------------------------------
Mauro Moriconi - MY PLASTIC JAPAN

CATM Chelsea
500 W22 ND ST NYC

Dal 12/01/2012

---------------------------------
Just So Stories

Mauro Moriconi - Aurelie Menaldo

SPAZIO MORETTI
Via Borgo 4, Carmignano - Po -

Saturday 3/12/2011 17.30

S.A.A.M. / Schema polis

Spazio d’arte Alberto Moretti / Schema polis
Via Borgo 4, p.za SS Francesco e Michele
orari: gioved venerdi sabato 16-19 domenica 10-12 e 16-19
ingresso libero free entrance

---------------------------------

Mauro Moriconi is on Sposa White, September 2011

---------------------------------


Mauro Moriconi - DiE MaUeR
Galleria Die Mauer - Spazio Lato

dal 07/07/2011 al 28/07/2011

Mauro Moriconi – Stati alterati di conoscenza. È quasi tutto falso, oggi. O pu disinvoltamente diventarlo, grazie alle immediate possibilità fornite da tecnologie di foto e video ritocco ormai accessibili a chiunque, e soprattutto grazie alle formule collaudate di relazioni e status sociali che vengono acquisite e poi esperite come abiti identitari già confezionati (non solo in riferimento alle cos dette subculture veicolate dalla comunicazione main stream, ma anche ai panorami più colti ed esclusivi dell’arte, della politica, eccetera). Cos la finzione prende il posto della realtà in una serie di episodiche invenzioni che riguardano circoscritte sfere di autori e spettatori, nuclei artificiali che nel segno di una presunta autosufficienza sfruttano al massimo le possibilità mimetiche disponibili, e si affermano per estromissione di tutti quei fattori che potrebbero strappare il loro cielo di carta, o di plastica. Mauro Moriconi esplora le pieghe di questo mondo contraffatto e lavora sull’insensatezza dei contenuti e sul collasso delle forme. I suoi strumenti sono gli stessi che vengono utilizzati per mistificare la realtà (le tecnologie digitali), ma lui se ne appropria per renderli funzionali allo svelamento dell’inganno: nel suo lavoro la manipolazione digitale contiene una insolita estetica dell’errore e della manualità che denuncia l’insofferenza verso le adulterazioni del reale.Questa attitudine distingue la ricerca di Moriconi in un panorama fin troppo intasato dall’emergere di talenti e fenomeni artistici, tutti in movimento sulla corsia preferenziale dell’invenzione spiazzante, della novità a tutti i costi, della velocità interconnessa. Mauro lavora sul medium per divaricare la sua identificazione con il messaggio (in netta opposizione agli assunti di McLuhan). In questa prospettiva, nelle foto stampate su alluminio, la presenza un po’ evanescente delle geisha negli scenari high-tech di Tokio alludono a una condizione plausibile quanto improbabile, e l’oscillazione di senso che ne deriva viene amplificata proprio dal modo in cui viene utilizzato lo strumento. L’intervento di incisione di alcuni profili ribadisce un punto di vista deciso a derogare da immedesimazioni fittizie. Gli scenari messi in opera da Moriconi hanno un potere di straniamento di matrice brechtiana: portano l’osservatore a disporsi all’esterno, gli impongono l’assunzione di un atteggiamento critico, che sia capace di isolare i processi che compongono l’opera e ricostruire le fasi narrative. Ugualmente, il sentimento di denuncia che innerva buona parte del percorso dell’artista sembra essere una buona guida in operazioni sottili che corrono sul limite del rischio formalista, ma lo lasciano brillantemente sullo sfondo. La serie “Die Mauer” adotta tutti gli schemi della fotografia di moda, ma simultaneamente dichiara l’operazione di imitazione impacchettando i modelli come altrettanti fantocci. Gli uomini e le donne “in corsa” contro una superficie di mattoni sono paralizzati in un gesto che non contiene né passato né futuro, e si risolve nella piatta deroga della propria presenza agli status precostituiti di cui sopra. E il muro che li accoglie si svela immediatamente per quello che è, una superficie orizzontale, chiamando di nuovo in causa la tentazione delle finzioni, virtuali e non.Un’ultima cosa va detta: dietro le superfici convenzionali, sotto le patine delle combinazioni virtuali, permane la realtà, lo indica l’artista, ed è ancora emozionante, irritante, imprevedibile e per sempre irriducibile a una serie finita di possibilità.Pietro Gagliano'
Inaugurazione: 7 Luglio 2011, dalle ore 18:30

Lunedi-Venerdi: 9-13/15-19; Sabato: 15-19

SPAZIO LATO
Luca Gambacorti e co.
Piazza San Marco, 13 , 59100 Prato - Prato
Telefono: 0574071696 | Fax: 0574070041


--------------------------

Mauro Moriconi is on Flash Art, July 2011

--------------------------


SATURA art gallery - IV Biennale GenovARTE 2011

Genova, vivo coacervo di arti, culture e tradizioni, è da sempre palcoscenico ideale per numerosi eventi a carattere culturale e sociale, come hanno dimostrato gli anni passati. Un fermento dinamico volto alla valorizzazione del patrimonio artistico che questa città offre: il suo cuore pulsante di vicoli, gli splendidi palazzi, il Porto Antico, il Polo Museale di via Garibaldi e molto altro ancora. Una Genova dai mille volti, dalle facciate ricamate, caratterizzata da una commistione di profumi e colori che la rendono da secoli “La Superba”. Una città fiera della sua storia e delle sue potenzialità come ha saputo dimostrare nel 2004, quando è stata la capitale europea della Cultura. Arte e cultura, quindi, espresse in un’ unica città che porta con sé l’epoca medievale, barocca, rinascimentale; è la rappresentazione di stili diversi sino ad arrivare alla contemporaneità di un’architettura moderna, che porta la firma di Renzo Piano. Genova è pertanto simbolo di una storia dell’arte sempre in divenire, capace inoltre di inserirsi in un contesto europeo vasto, con lo scopo di valorizzare le risorse presenti e di creare nuovi processi di crescita e di sviluppo interculturale. SATURA sente concretamente questo processo di sviluppo artistico e per tale motivo promuove la IV Biennale d’Arte Contemporanea GenovARTE 2011. Il concorso patrocinato da Istituzioni pubbliche e private vuole essere un momento di riflessione e di confronto tra artisti, critici e pubblico interessato ai fatti culturali; un appuntamento per allacciare nuovi contatti nel comune interesse per l’arte.


-------------------------------


CIRCUITI DINAMICI 8


Con il 2011 si inaugura il secondo ciclo di mostre collettive della serie Circuiti Dinamici promosse dall'Associazione Circuiti Dinamici già Circolo Culturale Bertolt Brecht e curate da StatArt. Progetto ideato col fine di rendere "reale" un'arte che molto spesso nasce e vive solo nel web. Si crea cos un circuito dinamico che coinvolge mondo virtuale e mondo reale intessendo una rete di scambi e di connessioni reciproche. L'artista diventa l'attore, l'ideatore sia nel web che nell'epifania della creazione che accade qui e ora. In particolare questa interconnessione avviene nella performances che nel web vivono solo per metà. Arte come un circuito: mai statico, ma dinamico, mutevole e vario. Trentadue i giovani artisti selezionati con trentadue interpretazioni diverse del tema, indagato attraverso differenti tecniche esecutive che spaziano dalla pittura alla fotografia, dall'installazione al disegno, dalle performances ai video.

Gli artisti protagonisti di questa nuova esposizione sono: Giulia Bonetti, Deborah Brugnera, Mauro Moriconi e Francesco Parrella.
Realizzando reportage a sfondo sociale, Francesco Parrella ritrae nelle sue fotografie in bianco e nero gente di tutto il mondo, documentando aspetti spesso trascurati e momenti di socialità: lavoro, gioco, formazione e vita con gli altri come in Parrucchiere. Mauro Moriconi rielabora e rilegge provocatoriamente immagini legate alla tradizione quali la maternità - Colazione sull'erba - e Adamo&Eva richiamando problematiche legate all'omofobia e alla transessualità nelle sue fotografie incise; mentre Deborah Brugnera propone scatti dal forte impatto visivo, compositivo e comunicativo che presentano una donna rinchiusa nel proprio mondo tutt'altro che incantato: I'm awake but in my world e Wake up. Esplorazione materica e cromatica è affrontata da Giulia Bonetti nelle opere astratte dominate dall'oro, dai colori intensi e accesi e dalla materia corposa che richiamano per certi versi il mondo fantastico di Klee e la preziosità dei mosaici bizantini.

Circuiti Dinamici
Dal 13 al 30 giugno 2011
Presso:
Associazione Circuiti Dinamici
Via Giovanola n 21/C - Milano
Inaugurazione:
13 giugno 2011 h. 18.30
La mostra resterà aperta dal marted al gioved dalle ore 15 alle ore 17.
Ingresso gratuito.

---------------------------------